L'amore per i vitigni siciliani "reliquia" di Riofavara di Ispica - due vini bianchi

indietro
Pubblicato il 2022-04-22

Nella prima parte delle degustazioni di alcuni dei vini più rappresentativi prodotto dalla famiglia Padova, proprietaria dell'azienda vitivinicola biologica Riofavara, riassunta in un mio primo articolo ti ho parlato sia della storia e filosofia della cantina e sia di un delizioso rosso e un rosé che puoi leggere qui sul mio blog .

Ora ti parlo di due deliziosi vini bianchi che mi hanno colpito:

MIZZICA "Sicilia Moscato Vigna Miucia" 2020

Mi è capitato di pronunciare "Mizzica!", parola informale in dialetto siciliano che esprime stupore, meraviglia e sorpresa, quando ho sorseggiato questo vino: la sua sorprendente spiccata acidità rinfrescante ha risvegliato e rivitalizzato il mio palato come se stessi bevendo un vino di una latitudine molto più nordica.

Massimo Padova mi ha riferito che ha dovuto sperimentare davvero molto nell'ultimo decennio per ottenere il vino Moscato Bianco fermo secco che oggi finalmente lo soddisfa.

Per controllare il profilo aromatico potenzialmente molto pronunciato tipico delle uve di Moscato Bianco, che è ben gradito e accetto per un vino dolce ma potrebbe essere eccessivo in un vino fermo secco voluto da Massimo, ha dovuto lavorare molto in vigna e poi in cantina. Ha selezionato 3 cloni specifici di Moscato Bianco ("Muscatedda") che sono più adatti ad un vino secco (acini leggermente più grandi). Ha cambiato il sistema di allevamento e di potatura delle viti da cordone speronato a Guyot per far crescere le viti un po' più vigorosamente e liberamente. Il 70% delle uve sono state raccolte in anticipo; il 30% erano uve del tutto mature alla raccolta. Pressatura diretta a basse temperature evitando qualsiasi tipo di contatto con la buccia dell'uva. Metà delle uve pressate a grappoli interi, metà delle uve già diraspate. Fermentazione con lieviti indigeni a temperatura controllata e molto bassa.

All'inizio al naso e al palato è un'esplosione di pere estive mature (mi ha ricordato l'oramai rarissima varietà siciliana della piccola pera "Muscatedda” con i suoi aromi unici e intensi). Poi arrivano sentori di pesca bianca, albicocca appena colta, fiori di mandorlo, fiori d'acacia, accenni di camomilla, scorza di cedro, mallo di mandorla, mela cotogna matura e un po' di confettura di mele cotogne, accenni di erba estiva. Al palato è leggermente più agrumato con più scorza di agrumi che esalta la rinfrescante e vivace acidità media+. Finale medio+ con una piacevole alternanza tra quelle nette note di pera matura e quelle fragranti di agrumi.

Io l'ho abbinato alle tagliatelle di carruba con pesto di pistacchio e porro soffritto: trovi la ricetta passo dopo passo qui .

MIZZICA

"Notissimo" DOC Sicilia Moscato Bianco 2016

Ho apprezzato il suo ottimo equilibrio tra piacevole dolcezza fruttata e accenni di vivace acidità: è elegantemente dolce ma mai stucchevole; è rinfrescante grazie a quell'inaspettata nota acida che lo rende leggiadro e perfetto anche nel periodo estivo!

Raccolta manuale e selettiva in due – tre epoche vendemmiali tra inizio agosto e fine settembre. A completa maturazione in sovra-maturazione, una piccola percentuale (10%) viene appassita al sole in cassette da 1 kg. Dopo la raccolta, avviene una delicata macerazione a freddo e successiva fermentazione del mosto a bassa temperatura (8°C.). Raggiunti i 10,5 - 11 gradi alcolici, la fermentazione viene bloccata dall’abbassamento rapido della temperatura (-3°C); segue una decantazione statica a freddo per circa 4 mesi. Affinamento in acciaio e bottiglia per circa 2 anni.

Spiccati e intensi sentori di pesca gialla molto matura, melone giallo di Paceco, miele di zagara, fiori d’arancio, albicocca essiccata, dattero (al naso soprattutto), accenni di scorza di arancia essiccata, note accennate di vaniglia. Livello alcolico medio (12,5%). Una vivace acidità presente (5,75 g / l ; PH 3,38) controbilancia perfettamente la fruttata dolcezza avvolgente di questo vino delizioso (zuccheri residui: circa 85 g / l). Finale elegante, posato, pacato dove gran parte della dolcezza è gradualmente andata via.

Perfetto con pasticceria secca come biscotti di mandorla e altra frutta secca ; cassata, cassatine e ravioline di ricotta, crostata di crema di ricotta, cannoli di ricotta; crostata di albicocca (con frutta o confettura).